IL RIFUGIO

IL RIFUGIO

IL RIFUGIO

COURMAYEUR MONTE BIANCO

“Io chiedo a una scalata non solamente le difficoltà
ma una bellezza di linee.”

Walter Bonatti

Slider

“Io chiedo a una scalata non solamente le difficoltà ma una bellezza di linee.”

Walter Bonatti

SOTTO LO SGUARDO
DELLE GRANDI MONTAGNE

silenzi e paesaggi alpini,
tutto il resto non conta più

Qui il silenzio regna sovrano, interrotto solo dai suoni della natura. In lontananza fa capolino il magnifico Monte Bianco con la sua catena di cime ricche di storie alpinistiche, eroiche e avventurose. Il panorama rapisce escursionisti, turisti e amanti della montagna che da tutto il mondo ogni anno vi si recano numerosi.

Il rifugio è punto di sosta per i trekker impegnati sul Tour du Mont-Blanc o sull’Alta Via n.1, oltre che punto di passaggio per diversi itinerari, vista la sua posizione privilegiata.

Rifugio Bonatti - Courmayeur

AL RIFUGIO BONATTI

piacevoli ascese tra boschi, torrenti e pianori verdeggianti

Per raggiungere il rifugio Bonatti (2025 m) il sentiero consigliato è quello indicato dal segnavia 28A. Il sentiero parte oltre il ponticello in legno che si trova in località La Remisa, appena sopra Lavachey (parcheggiare nelle aree consentite), di qui, seguendo l’indicazione per il rifugio, si risale il bosco.

Il percorso è agevole, molto panoramico e permette un colpo d’occhio privilegiato su tutta la vallata sottostante. Superato il bosco, si sbuca su verdi pascoli dai quali è visibile sulla destra il rifugio. Il sentiero continua armonico, con salita non troppo accentuata, incrociando alcuni vecchi casolari e un torrente dal quale, in pochi minuti, si raggiunge il rifugio.

Altro percorso è quello che parte dalla strada principale, appena prima del ponte in legno, (segnavia n.28) che si inoltra a sinistra nel bosco di larici, sulla larga e comoda pista forestale. Dopo i primi metri e le prime curve, la salita accentua la sua pendenza. Dopo circa mezz’ora si arriva al bivio per il rifugio, si lascia la strada poderale che continua verso sud (verso Sécheron) e s’imbocca il sentiero che sale ai piedi degli ultimi larici.

Lungo il percorso, tra i rami, si aprono finestre che permettono una piacevole vista sul massiccio del Monte Bianco (4807 m), che si può ammirare per intero non appena usciti dal bosco, con l’inconfondibile Aiguille Noire (3773 m) sulla sinistra.

Nel periodo invernale, per raggiungere il rifugio bisogna seguire il sentiero indicato dal segnavia 28 che parte prima del ponticello in legno.

Rifugio Bonatti - Courmayeur
Rifugio Bonatti - Esterno
Rifugio Bonatti - Camere